La formazione per la sicurezza nei luoghi di lavoro - www.easyworkitalia.it

Gli articoli di Easywork Italia

Safety | Mabella e EasyWork per la sicurezza sul lavoro

La formazione per la sicurezza nei luoghi di lavoro è obbligatoria, ma attenzione che i formatori siano abilitati al rilascio di certificati validi, poiché in caso di ispezione da parte degli organi di vigilanza, un attestato non in regola con la normativa porta a sanzioni amministrative e penali

Luca Pasquero MABELLA - Settembre 2018 Luca Pasquero consulente sicurezza sul lavoro

Il Testo Unico sulla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro (D.Lgs.81/08) prevede la formazione degli addetti con corsi di durata variabile in base al rischio (basso, medio o alto). Nel caso di un centro estetico il Codice Ateco (Classificazione delle Attività Economiche) rileva un rischio basso, pertanto la durata dei corsi non è troppo impegnativa.

Si tratta di insegnare ai lavoratori le procedure fondamentali ed indispensabili per ridurre al massimo i rischi e tutelare la sicurezza personale (ma anche quella della clientela); per questo la norma parla di “informazione” – i lavoratori imparano a riconoscere e pertanto a controllare e mitigare, i rischi presenti sul proprio luogo di lavoro – ma anche di “addestramento” – gli addetti imparano ad utilizzare in modo corretto e sicuro attrezzature, dispositivi ecc...

Onere del datore di lavoro provvedere affinché tutti gli addetti abbiano una formazione generica, di 4 ore, ed anche una formazione “specifica”.
Il Responsabile del Servizio Protezione e prevenzione (RSPP che, generalmente, coincide con il titolare del centro) deve seguire un corso di 16 ore che, oltre a fornirgli le basi normative lo introduce alle responsabilità, amministrative e penali, per chi non ottempera nei modi previsti alla messa in regola della propria struttura. Cenni sono riservati al Documento di Valutazione dei Rischi ed alla individuazione dei rischi all’interno dell’impresa, ma anche ai dispositivi di protezione individuale ed alla sorveglianza sanitaria.

Un corso simile, della durata di 32 ore, deve seguire l’RLS (Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza). Questa figura deve essere informata sia sulla parte normativa del D.Lgs. 81/08 che sui rischi relativi all’attività specifica – nel nostro caso quella del centro estetico -, con le necessarie misure e procedure di prevenzione e protezione da monitorare per la tutela di tutti gli addetti.

Una formazione specifica, di durata variabile fra le 4 e le 12 ore, è richiesta ugualmente per i responsabili antincendio e pronto soccorso (questi ultimi devono fare anche 4 ore di prove pratiche).

Per i primi, il corso è strutturato sui principi di base della prevenzione agli incendi, che comporta anche conoscere e riconoscere i possibili rischi all’interno della struttura e le principali misure di prevenzione e protezione, come l’utilizzo dell’estintore.

Il responsabile del Primo Soccorso viene invece formato affinché acquisisca le basi relative al primo intervento, impari a riconoscere un’emergenza sanitaria e ad allertare nel modo corretto i sistemi di soccorso.

I corsi sono generalmente svolti da Società abilitate, in aula o per via telematica. In ogni caso è importante verificare che i soggetti formatori siano abilitati al rilascio di certificati validi. Non è raro infatti trovare corsi a poco prezzo ma “irregolari” e, in caso di ispezione da parte degli organi di vigilanza, un attestato non in regola con la normativa porta ad inevitabili sanzioni, sia amministrative che penali.