Gli articoli di Easywork Italia

EasyWork per la sicurezza sul lavoro

Il rischio esplosione

Il Testo Unico sulla Sicurezza nei Luoghi di Lavoro (D.Lgs. 81/08) indica che ‘ai fini della prevenzione e della protezione contro le esplosioni, sulla base della valutazione dei rischi … il datore di lavoro adotta le misure tecniche e organizzative adeguate alla natura dell'attività; in particolare il datore di lavoro previene la formazione di atmosfere esplosive’.

Il rischio d’esplosione può essere definito come “la trascurabile probabilità che avvenga un’esplosione in quel dato luogo” ed è il prodotto di altri due fattori probabilistici: l’eventualità che si stabilisca un’atmosfera esplosiva e la possiblità che si verifichi un innesco.

Tra le tecniche di prevenzione si considera l’inertizzazione, cioè la capacità di limitare la percentuale di ossigeno (presente nell’aria) portandola ad una concentrazione inferiore a quella necessaria a produrre un’atmosfera esplosiva, e il miglioramento del sistema di ventilazione, in modo da renderlo più efficace.

Altre tecniche precauzionali agiscono direttamente sulle sostanze infiammabili, che devono essere contenute in appositi serbatoi con idonea ventilazione, tenute ad una temperatura inferiore a quella di infiammabilità e portate ad una concentrazione al di sotto del limite inferiore di esplodibilità.