Gli articoli di Easywork Italia

EasyWork per la sicurezza sul lavoro

Contaminazione cutanea: l’utilizzo dei guanti

Secondo quanto indicato dal Testo Unico sulla Sicurezza (D.Lgs 81/08) per proteggersi dall’attacco di agenti chimici, cancerogeni o mutageni è necessario valutare tutte le possibili modalità di contaminazione, da quella inalatoria a quella per contatto.

Ovviamente la parte più esposta sono le mani, che devono essere protette in modo adeguato e con dispositivi di protezione individuale (cosiddetti DPI) idonei all’attività che si svolge. In questo senso, i guanti utilizzati dai medici e dal personale infermieristico devono essere diversi da quelli utilizzati da chi effettua servizi di pulizia e ancora diversi da quelli in uso a chi si occupa di manutenzioni meccaniche o lavorazioni a caldo o abrasive. Un inciso che può sembrare scontato, ma che in realtà non lo è, dato che sono molte le violazioni della norma sulla sicurezza proprio riguardo ai DPI.

In particolare, quando si utilizzano prodotti chimici, i guanti vanno sempre indossati e devono essere tolti immediatamente in caso di lacerazione o versamento di materiale chimico pericoloso (in questo caso occorre lavarsi al più presto le mani).

Fra le altre indicazioni, ricordiamo che con i guanti non devono essere indossati bracciali o anelli (che ne aumenterebbero il rischio di lacerazione), che non devono essere mai utilizzati più di una volta e che devono essere smaltiti fra i rifiuti speciali.

Paola Bonfanti
Fonte: Italia News www.italianews.eu